#Dissesto : Favoritismi dal Governo ad alcune amministrazioni comunali?

big-debtIn occasione della legge di stabilità abbiamo assistito al solito gioco per accontentare  alcune amministrazioni comunali, roccaforti portatrici di voti di qualche potentato politico.

Dopo il maxi emendamento del Governo , è stato ripresentato  in seconda lettura alla Camera dei Deputati, all’art. 1 l’emendamento a firma Ribaudo – Culotta  che ha generato il comma 573 della legge di stabilità che riportava quanto proposto al Senato dall’emendamento “salva comuni” a firma Lumia – Verducci.

Il comma 573 fissava in trenta giorni il termine entro il quale gli enti locali, in sede di prima applicazione, potevano riproporre la procedura di riequilibrio finanziario pluriennale, modificando gli effetti del Testo Unico degli Enti Locali (TUEL), che tutelava anche quei Comuni  (uno di questi Bagheria), che pur vedendosi bocciato il piano di riequilibrio  dal Consiglio Comunale (unico organo competente), potevano rivedere i conti e riproporre al consiglio un nuovo Piano di Riequilibrio.

Nel caso specifico di Bagheria, tale norma  entra in contrasto con quanto stabilito dalla Corte dei Conti,  (nella deliberazione del  15 novembre 2013, in  occasione della mancata approvazione del Piano di Riequilibrio a Bagheria, la Corte dei Conti chiedeva   al Consiglio Comunale di  dichiarare quanto prima il dissesto perché l’ente rischiava di aggravare la situazione debitoria), così facendo si permetterebbe ai comuni affossati dai debiti fuori bilancio (a Bagheria si parla di circa 60 mln ), di adottare un vero e proprio dissesto gestito dagli stessi amministratori che lo hanno causato.

Alla lettera d) comma 2 art.1 del decreto-legge 30 dicembre 2013, n. 151 “milleproroghe” il Governo punta addirittura a prolungare a 90 giorni il termine fissato per la ripresentazione del Piano di Riequilibrio.

Questa  norma darebbe più tempo ai Sindaci di accordarsi con i loro Consigli Comunali per  l’approvazione di un atto già bocciato dagli stessi Consiglieri, così facendo si eviterebbe la procedura di Dissesto, che :

– affiderebbe la gestione finanziaria dell’ente ai commissari regionali il cui unico scopo sarebbe quello di risanare in tempi certi il comune (massimo 5 anni);

– contribuirebbe a far ripartire la programmazione ;

permetterebbe alla Corte dei Conti di individuare e punire gli autori del disastro, imponendo loro il pagamento di sanzioni oltre all’incandidabilità degli stessi .

A nostro modo di vedere questa norma è inconcepibile, come inconcepibile è la bocciatura in Commissione Bilancio al Senato dell’emendamento 1.31 che in qualche modo sanava l’anomalia proposta in legge di stabilità, anomalia rilevata anche da un articolo del Sole 24 ore, che parla di “approcci diversi” nelle sezioni regionali sul Piano di Riequilibrio.

Ci chiediamo come sia possibile assistere a situazioni dove amministrazioni comunali come Alessandria, che si sono attenute a ciò che imponeva la legge, sono state lasciate al loro destino, mentre altre  “protette” politicamente stanno per essere salvate a spese dei cittadini, che subiranno gli stessi effetti di un normale dissesto, (tasse ai massimi livelli, rideterminazione della pianta organica, vendita immobili di proprietà comunale, ecc.), salvando gli amministratori.

La scadenza del decreto-legge è fissata per il 28 febbraio, se la battaglia al Senato non sortirà gli effetti sperati, (votazione favorevole in aula dell’emendamento 1.31 o scadenza dl), nei prossimi giorni il M5S potrà contare sul lavoro dei ragazzi alla Camera che, come dimostrato per il decreto-legge 150, hanno capacità e mezzi per fermare un ennesimo torto ai danni della collettività ed in favore della mala politica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...